21/06/13

Sembra seta

E' molto caldo, questa notte, amico mio. 

Nel giardino, oltre la finestra, fra le siepi di alloro, dietro l'oleandro che ora è fiorito, il caldo è insopportabile. Anche se si è alzato il vento è così caldo che neanche i grilli hanno la forza di cantare e l'unico suono che sento è il fruscio delle fronde delle betulle, oltre ad un altro fruscio, ben meno poetico, quello del ventilatore che dirige sulla mia pelle nuda un getto di aria fresca, che mi concede sollievo da questa afa, insopportabile per me che sono una creatura crepuscolare, autunnale. 

La fiamma della candela ondeggia, oggi più distante per poter sopravvivere al vento artificiale che mi soffia addosso, e disegna ombre danzanti che sembrano volersi staccare dalle pareti per partecipare di questa notte che sembra seta





Questi sono i giorni in cui l'umanità si abbandona alle sfrenate pratiche pagane dei riti estivi, le donne sono sempre più svestite, i corteggiamenti sempre più espliciti, gli accoppiamenti sempre più promiscui. 

Io, invece, preferisco abbandonarmi ad un ritiro solitario e purificatore. 

Non è tempo per la Nebbia, questo. Se ti guardi attorno non ne troverai traccia. Se chiudi gli occhi non riesci a sentirne le dita fredde che si arrampicano sulla tua schiena. 

Resto sola, nel silenzio frusciante di ventilatori e foglie, e mentre carezzo la mia pelle che sembra seta mi accorgo che in questo momento regna l'assoluta quiete. 


Non parla nessuno. 

Sono tutte addormentate, anche la Vocina, anche la Bestia.

Ci sono solo io. 

E la piacevole sensazione della mia pelle sotto le mie dita.



Lentamente evaporo.





24 commenti:

  1. Però sei evaporata bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo era solo un sogno...

      A volte mi piacerebbe abbandonarmi a quei momenti di assoluta quiete e svanire... davvero... sarebbe un bellissimo finale :)

      Elimina
  2. Io sono fortunato: la notte sento i grilli, non fa molto caldo, e non serve ancora il ventilatore perché l'aria è fresca.
    Basta lasciare la finestra aperta e quello che senti è puro silenzio e nelle notti senza luna quello che vedi è la pura oscurità.

    Amo la solitudine proprio perché solo quando non hai nessun'altro vicino puoi godere questi momenti.
    Ovviamente poi amo anche la buona compagnia...ma con moderazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho la fortuna di abitare in collina. Ho la sfortuna di abitare all'altezza cappa di afa.

      In pratica, tutta l'umidità che opprime la città si concentra alla mia altitudine.

      Buio, silenzio, grilli, cicale... e AFA!

      Ed io odio il caldo!!!

      Elimina
    2. Beh siamo in due (stamani sono uscito per andare al lavoro...temperatura 13,5°C: il Paradiso)

      Elimina
    3. Ti sto invidiando a morte!!!!

      Elimina
    4. Il problema è che lavoro nella Bassa Parmense...ottimo posto per la stagionatura del culatello ma pessimo per passarci gran parte della giornata. Ma stasera si torna su ^_^

      Elimina
    5. Ah, ma quindi i tuoi monti sono quelli attorno al Cimone o al Cerreto! Ci credo che dalle tue parti sia fresco!!!!

      Io sto disperatamente rimandando il momento di vestirmi per andare al lavoro, ma ormai il mio tempo è scaduto e devo rassegnarmi alla tortura!

      Se non aggiornerò più il blog è perché mi sono sciolta strada facendo. Ora il termometro, giù a Bologna, indica solamente 31° effettivi, ma i percepiti sono 37.

      Mi sento più o meno come un iceberg con il satellitare guasto, che per errore si è trovato all'equatore!

      Elimina
    6. Ahahah :-)
      No sono in Valtaro (dove hanno sentito bello forte il terremoto di prima).

      Ti rendi conto che in inverno io dormo con 14/15°C in camera da letto?
      Immagina ora (ne ho 23/24).
      In questo momento vorrei essere esiliato in Siberia come accadeva a certi personaggi scomodi qualche decennio fa...anzi facciamo Alaska che il russo non lo parlo.

      Elimina
    7. E passando sulla Cisa il Taro sembra un gioiello blu verde. Quando vado nell'altra mia terra ci passo sempre. Spettacolare.

      Elimina
    8. Io faccio 200 km al giorno tra andata e ritorno ma ogni volta che arrivo dalle mie parti capisco perché lo faccio. Un panorama che vedo da quasi 45 anni ma che ogni volta mi lascia senza parole.
      Per non parlare degli incontri inaspettati ma non troppo: volpi, scoiattoli, caprioli, cinghiali.

      Quando passi la prossima volta fai ciao con la manina che magari ti vedo e ti saluto ;-)

      Elimina
  3. a me si forma la pozzangherina sul petto, quella che dalle mie parti chiamano "la nicchietta della madonnina".
    mi aspetto di vederci i girini nuotare, prima o poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qualcuno s'è mangiato un pezzetto, la frase completa doveva essere: "in quella quella che dalle mie parti chiamano "la nicchietta della madonnina".

      Elimina
    2. Non so dove sia dalle tue parti, ma non è sicuramente dalle mie, perché non l'avevo mai sentito dire.

      Io riesco a sopravvivere appunto solo con il ventilatore sparato addosso.

      Pagherò tutto fra qualche anno, quando sarò più vecchia e più stanca e molto più artritica, temo :P

      Odio sentire la mia pelle sudaticcia, e questo è l'unico modo per evitarlo, quindi, al diavolo l'artrite. Quando sarà il momento ci penserò! :P

      Elimina
  4. Sono due notti che dormo pochissimo a causa del caldo.
    Come te idolatro l' autunno ma allo stesso tempo non sono uno di quelli che si lasciano andare a improperi contro qualsiasi stagione in arrivo.
    E' estate.
    C' è di peggio nella vita. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente improperi. Se però incontro quel meteorologo francese che aveva promesso niente estate per quest'anno lo metto sotto con la macchina.

      E no, non mi sentirai mai lamentarmi perché piove, o perché è freddo. Potrei lamentarmi del caldo anche a novembre, semmai :P

      In una qualche vita passata devo essere stata un esquimese :P

      E poi... basta saper affrontare anche il caldo. Via i vestiti, un ventilatore potente, e quasi non sembra neanche che fuori ci siano 39 gradi. Il problema sorge quando, come accadrà fra poco meno di un'ora, si deve poi uscire!

      E il sole mi ferisce gli occhi! :P

      Elimina
  5. Beh, cara mia, c'è un tempo per tutto, e ora è il tempo del sole.
    La nebbia esiste sempre: impalpabile, sfuggevole, si è trasferita nell'altro mondo che ora ci appare invisibile ma che tornerà.
    Cosa posso dirti se non "approfittane per ricaricarti?".
    Oggi è il solstizio, quindi ti auguro una buona estate!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moz, infatti non ho imprecato contro l'estate, prendo atto del suo arrivo e mi adeguo.

      Mi rintano nel mio bozzolo fresco, mi ricarico di energie... attendo che ritorni il mio tempo, per rinascere ancora una volta pronta ad altri 9 mesi di danni in giro ^_*

      Auguri di buona estate a te!!!

      Mist

      Elimina
  6. Io mi auto convinco che a breve,l'estate finirà .
    Per illudermi meglio, non metto via i maglioni, non si sa mai... (Oggi 35°)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pure non li metto via... ma solo perché l'idea di toccare qualcosa di caldo e peloso mi fa venire male :D

      Elimina
  7. le notti d'estate sono le muse migliori... però devo contraddirti sulla presenza della nebbia, almeno qui in toscana l'altra sera ha avuto il coraggio di ripresentarsi! fortunatamente ormai sono abituata a guidare in quel bianco fitto, è parte integrante del paesaggio.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qua in Emilia niente. Solo afa... che volendo è nebbia calda, ma non è altrettanto romantica, a mio avviso... è solo appiccicosa :P

      Elimina
  8. A mist is hanging gently on the lake
    My house is very beautiful at night

    Anche Lou Reed è dei nostri.
    Un nebbioso abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una citazione più che gradita!

      Ricambio l'abbraccio nebbioso.

      Mist

      Elimina

Siccome sono estremamente generosa, ho deciso di permettere anche agli utenti anonimi di commentare. Dati gli argomenti trattati, capisco che molti non vogliano mettere il loro nome, qua sotto, e per questo offro questa possibilità. Questo però non significa che abbiate la licenza di scrivere ogni cosa vi passa per la testa. Gli insulti gratuiti, ad esempio, verranno cestinati. Faccio affidamento sul vostro buon senso. E siccome questo è il MIO mondo, e qua vigono le mie regole, l'unico giudizio insindacabile ed inappellabile su cosa rientri nel buon senso spetta a me. Tutto quello che, a mio modesto parere, è spazzatura, verrà impietosamente cestinato. Mi riservo anche di ritornare sui miei passi, se la mia fiducia nel genere umano si dimostrasse mal riposta.